Cosa facciamo » Certificazioni informatiche » FAQ su “ECDL per persone con disabilità”

FAQ su “ECDL per persone con disabilità”

Quali facilitazioni può avere una persona disabile che desidera affrontare gli esami ECDL?

Non vi sono facilitazioni nell’affrontare gli esami ECDL, ma vi sono diverse modalità di esecuzione che mantengono inalterata la qualità degli esami.

 

Dove posso trovare indicazioni per poter accogliere le persone disabili nel nostro Test Center?
Vi è la pubblicazione ‘ECDL senza barriere – Metodologie di gestione dei Test per persone disabili’ che si può scaricare dalla seguente pagina internet: http://www.asphi.it/asphi/wp-content/uploads/2014/03/ECDLSenzaBarriere.pdf.

 

Cosa deve fare un Test Center per diventare polo di riferimento per le persone disabili?
Tutti i Test Center accreditati da AICA possono accogliere candidati con disabilità, se si desidera facilitare questa accoglienza occorre che l’aula dove si somministrano esami sia fisicamente accessibile e occorre dotarsi di alcuni ausili informatici tra quelli descritti nel libretto ‘ECDL senza barriere – Metodologie di gestione dei Test per persone disabili’ capitolo B (http://www.asphi.it/asphi/wp-content/uploads/2014/03/ECDLSenzaBarriere.pdf).

 

Con quali modalità una persona disabile può affrontare gli esami ECDL?
1) modalità automatica con ATLAS (sw di gestione degli esami ECDL).
Con questa modalità non vi è bisogno di nessuna autorizzazione ma, dalla nostra esperienza, è necessario che il candidato conosca bene la modalità con cui ATLAS propone le domande. Questo si ottiene chiedendo al candidato di studiare bene il Tutorial di ATLAS presente sul sito di AICA.
Inoltre è necessario verificare che gli ausili usati dal candidato funzionino correttamente con ATLAS
2) modalità manuale.
Il candidato esegue l’esame nello stesso “ambiente informatico” nel quale ha studiato e nel quale continuerà a lavorare. Con questa modalità, se si usa del SW che fa da ausilio, vi è la certezza che funzioni regolarmente e non vi è bisogno di una specifica istruzione sul SW ATLAS.
Inoltre, con questa modalità, è possibile concedere, oltre il tempo standard per la certificazione, un tempo extra pari a:
- un terzo del tempo standard per persone con una sola disabilità;
- due terzi del tempo standard per persone con più di una disabilità.
Per questa modalità occorre una specifica autorizzazione da parte di ASPHI. – vedi QA-ESA10 capitolo 9 e Appendice 1 alla Procedura di esami ECDL QA-ESA10 (http://www.aicanet.it/certificazioni/ecdl/core-level/per-i-test-center/procedure)
3) modalità manuale con proprio computer.
Per candidati che usano ausili informatici particolari o computer con una personalizzazione molto complessa, c’è anche la possibilità di usare la propria macchina, previa autorizzazione di ASPHI, per svolgere l’esame.
4) Modalità AICE dove è possibile, dopo aver ricevuto l’autorizzazione, usare tempo aggiuntivo, (un terzo del tempo previsto per l’esame)
Anche AICE però è inaccessibile agli screen reader che usano le persone non vedenti.

Quali documenti occorrono per ottenere l’autorizzazione a svolgere gli esami in modalità manuale?
Per avere l’autorizzazione alla somministrazione dei Test in modalità manuale (unica modalità possibile per usufruire di tempo extra) è necessario che il test center invii
- via fax (al numero 051-277801) o
- via e-mail in formato immagine (a formazione@asphi.it) o
i seguenti documenti:
- i propri riferimenti (Ragione sociale, codice AICA di riferimento, indirizzo, telefono, mail,  etc.)
- modulo F1 debitamente compilato e firmato dal genitore del candidato (se minorenne)
- copia di un documento di identità del candidato
- eventuale richiesta per uso del computer del candidato (modalità 3).
In base alla tipologia di disabilità così documentata, ASPHI verifica se ci sono i requisiti per autorizzare il Test Center a effettuare esami in modalità manuale e/o a usufruire di tempo-extra. In caso positivo, ASPHI invia via e-mail l’autorizzazione al Test Center richiedente, copia conoscenza ad AICA. Il Test Center deve conservare copia dell’autorizzazione presso la propria sede, in luogo sicuro, accessibile agli Ispettori AICA. L’autorizzazione è valida per quel candidato, per tutti gli esami ECDL che egli sosterrà in quel Test Center.
Ai sensi della normativa sulla privacy introdotta dal d.lgs.196/2003, e successivi aggiornamenti, AICA ha creato l’apposito modulo QA-ESAMOD16 (http://www.aicanet.it/certificazioni/ecdl/core-level/per-i-test-center/procedure), per il consenso al trattamento dei dati personali da parte dei candidati iscritti agli esami ECDL. Il Test Center si fà garante che il candidato abbia il proprio consenso sia al trattamento dei dati personali sia al trattamento dei dati sensibili. Il Test Center conserverà il documento di consenso unitamente al materiale d’esame – vedi par. 7.4.1 della procedura d’esame QA-ESA10 e Appendice 1 alla Procedura di esami ECDL QA-ESA10 (http://www.aicanet.it/certificazioni/ecdl/core-level/per-i-test-center/procedure).

 

Per riuscire a svolgere regolarmente gli esami ECDL ad un candidato con disabilità quanto tempo prima bisogna inviare i documenti ad ASPHI?
Fondazione ASPHI deve ricevere i documenti che richiedono l’autorizzazione almeno 12 giorni lavorativi prima della data di svolgimento dell’esame, per avere il tempo di valutare correttamente la richiesta e spedire via mail l’MQTB.
Al test Center che non rispetta questa tempificazione, non viene garantita la spedizione dell’MQTB prima della data dell’esame.
Per chi fosse già in possesso dell’MQTB l’autorizzazione deve arrivare almeno 8 giorni lavorativi prima dello svolgimento dell’esame.
A questi tempi in agosto e dicembre bisogna aggiungere i giorni di chiusura di AICA.

 

Per le persone disabili che necessitano della modalità manuale bisogna fare delle sessioni di esami ECDL speciali?
No, il Test Center dovrà inserirlo in ATLAS, in una sessione ordinaria o straordinaria già programmata, scegliendo la modalità manuale. La cartella prodotta dal candidato va poi mandata ad AICA per la correzione centralizzata. Unica avvertenza è quella di non fissare la data dell’esame prima di aver ricevuto la nostra formale autorizzazione e da AICA la versione aggiornata dell’MQTB.

 

Per quali tipi di disabilità e’ possibile avere in aula, durante gli esami, un mediatore della comunicazione?
Solo ai candidati audiolesi è data la possibilità di eseguire gli esami ECDL con la presenza di un mediatore della comunicazione – vedi Procedura AICA QA-ESA10 cap. 9 (http://www.aicanet.it/certificazioni/ecdl/core-level/per-i-test-center/procedure) sempre autorizzata da ASPHI.

 

Cosa debbo fare per ottenere l’autorizzazione alla presenza di un mediatore della comunicazione?
Per procedere al rilascio della autorizzazione affinché durante la sessione d’esame sia presente un mediatore della comunicazione è necessario che il test center invii ad ASPHI
- via fax al numero 051-277801
- o via e-mail in formato immagine a formazione@asphi.it
le seguenti informazioni:
- i propri riferimenti (Ragione sociale, codice AICA, indirizzo, telefono, mail, ecc..);
- l’elenco dei candidati audiolesi (nome, cognome, data di nascita). Sarà il test center a farsi garante della disabilità dei candidati;
- la data della sessione d’esame;
- i riferimenti del mediatore della comunicazione (cognome, nome e data di nascita)
Ai sensi della normativa sulla privacy introdotta dal d.lgs.196/2003, e successivi aggiornamenti, AICA ha creato l’apposito modulo QA-ESAMOD16 (http://www.aicanet.it/certificazioni/ecdl/core-level/per-i-test-center/procedure), per il consenso al trattamento dei dati personali da parte dei candidati iscritti agli esami ECDL. Il Test Center si fà garante che il candidato abbia il proprio consenso sia al trattamento dei dati personali sia al trattamento dei dati sensibili. Il Test Center conserverà il documento di consenso unitamente al materiale d’esame – vedi par. 7.4.1 della procedura d’esame QA-ESA10 e Appendice 1 alla Procedura di esami ECDL QA-ESA10 (http://www.aicanet.it/certificazioni/ecdl/core-level/per-i-test-center/procedure).

 

Per persone con disabilità è possibile avere tempo aggiuntivo?
Il SW ATLAS non permette la erogazione di esami con tempo aggiuntivo.
Con la modalità manuale e con il SW AICE è possibile usufruire di un tempo extra per i candidati che usano ausili:
- un terzo del tempo standard per persone con una sola disabilità;
- due terzi del tempo standard per persone con più di una disabilità.
Sempre con specifica autorizzazione di ASPHI.

 

Le persone con DSA possono essere affiancate da un tutor o dall’insegnate di sostegno che gli leggono le domande?
In rispetto alla procedura AICA QA-ESA10 che regola lo svolgimento degli esami ECDL non è possibile che un candidato sia affiancato da un tutor durante le prove di esame. Molte persone con DSA spesso raggiungono l’autonomia nell’uso del computer usando degli ausili che leggono con voce sintetizzata le frasi che loro selezionano. (Strumenti compensativi)

Le persone con disabilità cognitiva possono affrontare gli esami ECDL?
Quando si parla di disabilità cognitiva ci sono migliaia di sfaccettature.
Noi di ASPHI abbiamo fatto sperimentazione con ragazzi che hanno certificata una disabilità cognitiva lieve con risultati alterni, chi ha certificata una disabilità cognitiva grave o media riteniamo non sia in grado di affrontare gli esami ECDL.

Comunque noi prima di avviare la persona con disabilità verso la certificazione facciamo una valutazione per capire se è in grado di:
1)      Rispettare le regole che tutti i candidati debbono rispettare. Debbono rispettare il silenzio, comprendere le richieste dell’esaminatore, valutare correttamente il trascorrere del tempo, ecc…
2)      Essere completamente autonomo nell’uso del computer, per questo possono anche usare ausili HW o SW. Non può esserci nessuno che li affianca.
3)      Essere in grado di comprendere le domande ed eseguire in modo autonomo i compiti richiesti.

Nella nostra attività di esaminatori e di consulenti sulla disabilità per i Test Center Aica siamo venuti a conoscenza di alcune persone certificate con disabilità cognitiva media o medio-grave ma con alto funzionamento delle facoltà logiche, come le persone con la sindrome di Asberger, che sono riuscite a superare qualche esame e dalle statistiche ho visto che una di queste ha anche acquisito il certificato ECDL Start.

Nelle nostre sperimentazioni fatte con i vari progetti ‘ECO-Citizen’ abbiamo:
1)      usato del materiale interattivo con linguaggio semplificato e con spiegazioni fatte con mappe concettuali
2)      abbiamo previsto un numero di ore di studio circa 3-4 volte quello previsto per le persone normo dotate.
3)      I risultati migliori li abbiamo ottenuti quando abbiamo previsto tre o quattro simulazioni vere di esame, in modo che i ragazzi trovassero normali le azioni ed i comportamenti da tenere il giorno dell’esame vero.

 

Non hai ancora trovato una risposta ai tuoi quesiti sull’ECDL?
Proponi la tua domanda compilando il modulo Richiesta informazioni  >>>.
Ci aiuterai ad arricchire questo documento e riceverai una risposta personalizzata.

Questo inserimento ha dei tag , , . Anno inizio: . Stato: . Tipo iniziativa: . Argomento: . Tipo di disabilità: . Destinatari: , , , , , .
  • Cerca nelle attività

  • Siti di progetto